Siamo alla 33esima giornata del nostro campionato, è stato un turno emozionante, pieno di gol e di sorprese, tutto ancora apertissimo, corsa Champions, salvezza e forse anche Conference League. Non staccatevi dalla tv, ora si entra nel vivo. Ecco a voi lo sprint finale della Serie A, che si apre nel weekend con un sabato che tocca quasi il fondo della classifica. Si gioca infatti alle 15 un match fondamentale in ottica salvezza, ovvero il derby ligure tra Genoa e Spezia. Partita bella, veloce che vede vittorioso il grifone, che si allontana sempre di più dalla zona retrocessione. Al contrario la squadra di Italiano dovrà lottare in queste ultime giornate per rimanere nel massimo campionato italiano. Sabato si è giocata un’altra sfida interessante che si è conclusa infatti con un roboante 3-4. Ebbene sì, sto parlando proprio di Parma-Crotone, una partita che forse serviva a poco sulla carta, ma che in campo si è trasformata in una vera e propria guerra. Parma che rimane ancora a 20 punti mentre i calabresi dopo un periodo in cui meritavano qualcosa in più, riescono a trovare 3 punti che fanno molto bene all’ambiente, inutile dire che in gol ci è andato il solito, il nigeriano Simy.

Vince invece il Sassuolo che dopo un’interessante partita contro la Samp di Ranieri, sorride grazie a un gol di Domenico Berardi al minuto 69’. Classifica che ora si fa interessante per i neroverdi che sono a -3 dalla Roma in zona Conference League. La domenica si apre con il lunch match tra Benevento e Udinese, tappa fondamentale per entrambe le compagini in vista della salvezza. Sorride infine l’Udinese che vince 2-4 con un immenso Rodrigo De Paul. Caduta libera per i giallorossi che ora si ritrovano terzultimi in classifica con Torino e Cagliari. Torna a vincere dopo due pareggi anche Antonio Conte, che dopo una partita sofferta contro un gran Verona, sorride con un guizzo di Matteo Darmian. Nerazzurri che si avvicinano a grandi passi al tricolore, rompendo definitivamente l’egemonia della Juventus.

Parliamo dunque proprio dei bianconeri che frenano ancora la propria corsa Champions, sbattendo contro il muro viola della Fiorentina. Termina 1-1 al Franchi, a segno Vlahović e Alvaro Morata che si prende la Juve e Pirlo sulle spalle, ma non basta. Vittoria equivalente a linfa vitale per il Cagliari che stende la Roma alla Sardegna Arena. Sorridono Joao Pedro (a segno per il 3-1) e compagni, ancora un passo falso invece per Fonseca. Si spera che per giovedì contro lo United, si veda una Roma totalmente diversa preparata e gagliarda. E se la Juventus pareggia, l’Atalanta di Gasperini non perde occasione e vola, vince per 5-0 contro un Bologna spazzato completamente via dal campo. Azioni incredibili della dea che sogna il terzo anno consecutivo di Champions e con le giocate sublimi di Muriel e Malinovsky non è così impossibile. E per un’Atalanta che vince, una Juve che pareggia, c’è un Napoli che sogna. La squadra di Gattuso domina e vince contro il Torino in 20’minuti con le reti di Bakayoko e Oshimen. Non era semplice sbancare “Il Grande Torino” dato l’ottimo momento di forma dei granata, ma gli azzurri corrono e giocano alla grande. Il 33esimo turno della Serie A si conclude con un big match, importante per la corsa Champions. All’Olimpico di Roma va in scena Lazio-Milan, gara studiata e interpretata alla grande da Inzaghi e la sua squadra che battono i rossoneri per 3-0. Decisivi i gol di Correa (doppietta) e Ciro Immobile.

Milan dunque raggiunto in classifica dal Napoli e dalla stessa Juventus, biancocelesti che invece tornano sulla pista per l’Europa che conta. Siamo agli ultimi atti, big match per la Champions intricatissimi ancora da giocare, scontri salvezza fondamentali per la permanenza in A, chi avrà la meglio? ancora tutto da decidere, noi come al solito ci mettiamo comodi e ci godiamo lo spettacolo, che solo quel rettangolo verde può donarci.

Vincenzo Natale

Rispondi