Abbiamo avuto l’onore di intervistare ai nostri microfoni Azzurra Massa, attaccante femminile del Pomigliano, ex Napoli e Perugia.

Ecco le sue parole:

Presuppongo che la tua passione per il calcio sia arrivata grazie a tuo padre. Qual è il primo ricordo che hai con lui calcisticamente parlando?

Quando mio padre andava ad allenare io cercavo di stargli sempre dietro, sia allenamenti sia le partite la Domenica. Rimanevo sempre a giocare con i suoi ragazzi e lo pregavo di portarmi ogni volta sui campi e quando ciò non accadeva ci rimanevo male. All’età di 6 anni ho iniziato ad allenarmi non con lui ma stessa società(Mariano Keller), sono rimasta lì fino all’età di 13 anni dove poi sono andata nel Napoli.

E’ stato lui ad introdurti nel mondo del calcio?

Lui all’inizio non voleva che io giocassi a calcio, anche perché all’epoca non trovavi spesso ragazze che giocavano a pallone. Adesso invece è raro vedere femmine che si trovano nelle squadre maschili poiché ora quasi tutte le società hanno un settore giovanile dai pulcini fino alla prima squadra.

Cos’è stato per te il Napoli?

Il Napoli mi ha dato tanto, io ho dato a loro come loro hanno dato a me. Si poteva concludere in un altro modo avendo un po’ più di riconoscenza che nel calcio non c’è né. Quest’anno mi sto prendendo le mie rivincite e si vede sul campo sia a Perugia e sia al Pomigliano. Io e le mie compagne ci stiamo levando più di qualche sassolino dalla scarpa. Il Napoli mi ha aiutato a crescere ma le strade si potevano dividere in maniera più tranquilla.

Quanto è stato duro dover lasciare il Napoli?

Da una parte sono stata “felice” soprattutto dopo l’ultimo anno. Eravamo un gruppo molto affiatato e le compagne non c’entrano nulla ma quando nella società le cose non vanno bene capisci che il momento di cambiare strada. Gli auguro di rimanere in A per poi affrontarci il prossimo anno.

Come definisci la parentesi Perugia?

E’ stato un trampolino di lancio. Mi è servita per rimettere minuti nelle gambe e per riacquisire sicurezza che non avevo dopo l’ultimo anno e mi ha aiutato molto sotto questo aspetto. E’ stata personalmente un’esperienza positiva anche se i risultati erano negativi.

Cosa ti ha spinto a sposare il progetto del Pomigliano? Questa scelta sta rispettando le tue aspettative?

Ho fatto una scelta anche di cuore perché Pomigliano si trova vicino Napoli e quindi anche vicino casa. Mi hanno detto che avrei potuto aiutare molto la squadra ed è quello che sto cercando di fare. Siamo prime da Ottobre e ho scelto il Pomigliano sia per il progetto che si trova sotto e sia perché nella squadre ho trovato mie ex compagne con qualità e quantità. Mi sono ritrovata a lottare per la promozione ma da protagonista questa volta. Se dovessimo vincere me lo sentirei più mio rispetto a quello vinto lo scorso anno.

Pensi si possano fare cose importanti nel campionato maggiore?

La società farà delle scelte tra rinnovi e mercato che ci potrà permettere di salvarci senza grossi problemi senza dover arrivare verso le ultime giornate appese ad un filo. Sono fiduciosa verso il futuro perché alle spalle abbiamo un’ottima società a partire dal presidente che farà di tutto pur di aiutarci.

Il Covid quanto ha influenzato il calcio?

Inizialmente la vedevo più catastrofica ma successivamente, soprattutto nel calcio femminile, l’abbiamo tenuto molto bene. Continuiamo a crescere e fare passo dopo passo quello che dobbiamo fare.

Grazie anche al mondiale del 2019 il calcio femminile si sta affermando sempre di più.

Questo si. Noi dobbiamo ringraziare le ragazze delle nazionale perché da lì c’è stato un “boom” nello sviluppo del calcio. Anche in Italia dalla Serie D alla Serie A il livello si è alzato notevolmente. Il campionato di Serie B di quest’anno non è come quello dello scorso anno e anche le straniere si stanno avvicinando al nostro campionato. L’unica cosa è che noi italiane non ci avviciniamo ai campionati esteri. Si sta cercando sempre di più di colmare la differenza che esiste tra i nostri campionati e gli altri.

La redazione di Dame Fùtbol ci tiene a ringraziare Azzurra Massa per la sua disponibilità e le augura il meglio per il suo futuro.

Alessandro Giglio

Rispondi