Pronti, partenza, via. Entriamo nel vivo del rush finale della Serie A. Quart’ultimo turno di campionato che si apre con un Sabato a dir poco scoppiettante. Alle 15:00 va in scena al Picco, Spezia-Napoli e contemporaneamente ai poli opposti della penisola, si gioca Udinese-Bologna. Partiamo proprio da quest’ultimo match, conclusosi in parità per 1-1. Partita bella e interessante, in gol per i friulani il solito Rodrigo De Paul che si conferma in stato di grazia, dall’altro lato però, i rossoblu non mollano e sul finale trovano dal dischetto il pari con Orsolini. Torna a vincere invece Gattuso, che stende tatticamente Italiano già al 30’ quando Victor Oshimen sigla la sua doppietta personale, fissando il punteggio sullo 0-3. Dopo il passo falso con il Cagliari, il Napoli si rilancia mettendo K.O i bianconeri per 1-4 e vede la Champions League, mentre lo Spezia si riaffaccia preoccupantemente nelle zone basse della classifica. Tocca successivamente ai Campioni D’Italia, che ospitano la Sampdoria di Ranieri. Partita mai in discussione, con l’Inter che rade al suolo i blucerchiati per 5-1, confermando la propria forza e soprattutto la voglia di continuare a vincere. Crolla a Firenze la Lazio, che viene sconfitta proprio dai viola per 2-0. I due gol? beh, inutile dirvelo, doppietta di Dusan Vlahovič.

Si complica dunque la rincorsa all’Europa che conta per i biancocelesti, anche perché l’Atalanta così come il Napoli, continua a volare. E parliamo dunque della Dea, una straripante Dea, che vince in casa di un Parma già retrocesso per 2-5. Altra goleada e altra prestazione superba degli uomini di Gasperini, uno su tutti: Luis Muriel.Colpaccio del Cagliari a Benevento, i sardi dopo una vera e propria battaglia sorridono e vincono per 1-3, mettendo in guai seri i campani. Partita dura, non senza polemiche, post gara infuocato per un presunto rigore non dato ai padroni di casa. Un punto per parte al Bentegodi, tra Verona e Torino. Nessuno si fa male e i granata anche se a piccoli passi si allontanano sempre di più dalla zona calda della classifica. Succede tutto in 3 minuti, all’85’ il vantaggio toro con Vojvoda e all’88’ pareggio gialloblù con Di Marco. Continua a stupire il Sassuolo di De Zerbi che batte il Genoa per 1-2. Vittoria importante per i neroverdi che continuano a impressionare e che soprattutto a tre giornate dalla fine sognano il settimo posto, che varrebbe la Conference League.

Settimo posto però che per il momento è occupato dalla Roma di Fonseca, che tra mille polemiche per la questione Mourinho, batte per 5-0 il Crotone. Giallorossi che scappano dal Sassuolo per cercare almeno di centrare un posto in Europa. La Domenica di Serie A si conclude con la partita più importante, sia a livello di fascino che di importanza vitale in ottica Champions. A Torino va in scena Juventus-Milan, mai una partita come le altre. E infatti colpaccio dei rossoneri allo Stadium, che si oppongono per 0-3 con le reti di Diaz, Rebic e Tomori. Passo importantissimo per Pioli verso la Champions, vede tutto nero invece Andrea Pirlo.

3 giornate alla fine e campionato più aperto che mai, tutti a guardare la zona Europa, ma occhio anche alla bella sfida per la salvezza. Non ci resta che aspettare, godiamoci il momento che tra qualche settimana la Serie A ci mancherà e non poco.

Vincenzo Natale

Rispondi