Ultima corsa, ultima manche e ultimo sospiro, si va. Addentriamoci nell’ultima giornata di campionato, e vediamo cos’è successo nei rettangoli verdi della Serie A. Partiamo subito dai tre match di Sabato, giocati in contemporanea. La Samp chiude in bellezza il suo campionato con una netta vittoria sul Parma per 3-0. In gol Quagliarella, Gabbiadini e Colley. 0-0 tra Crotone e Fiorentina allo Scida, nessuno si fa male, poche le emozioni e nessun verdetto da decidere. Vince anche il Genoa a Cagliari per 0-1, vittoria che conferma il grande girone di ritorno del grifone che si salva senza particolari problemi.

Possiamo al momento più importante di quest’ultima giornata, alle 15:00 scendono in campo i Campioni D’Italia che passeggiano e stendono per 5-1 l’Udinese. Festeggiamenti e altro risultato rotondo che fanno ben sperare per l’Inter e per ciò che verrà. In serata vanno in onda tutte le gare rimanenti, e partiamo dunque da TorinoBenevento, partita superflua conclusasi 1-1 e che non basta ovviamente ai campani per salvarsi. Risultato che non cambia per il toro che chiude la sua stagione al 17esimo posto. Pareggio anche al Picco di La Spezia, dove i padroni di casa dominano, e vanno sul 2-0 ma si fanno poi rimontare da una Roma caparbia. 2-2 quindi il risultato finale, giallorossi che con questi pareggio concludono a 62 punti a pari merito col Sassuolo e per differenza reti accederanno alla Conference League. Allora parliamo proprio dei neroverdi, che stendono per 2-0 la Lazio. Altra prova importante per De Zerbi, ormai partente,e per la sua squadra. E se il Sassuolo offre una prova importante, il Milan fa altrettanto. Va a Bergamo e vince per 0-2, qualificandosi senza problemi alla prossima Champions League. Traguardo quasi storico dato che l’accesso all’Europa che conta mancava da parecchio tempo.

Sorride anche la Juventus che vince per 1-4 a Bologna. 3 punti fondamentali che permettono ai bianconeri di arrivare nella competizione più importante del continente. In gol per la squadra di Pirlo, Chiesa, Morata due volte e Rabiot, sigla il gol della bandiera Orsolini. E se Milan e Juve vincono, il Napoli compie un gesto di autolesionismo puro. La squadra partenopea si suicida in casa e pareggia per 1-1 contro un bel Verona.

Azzurri che lasciano dunque il sogno Champions e concludono al quinto posto in classifica. Al termine di un anno strano, c’è chi ha gioito, chi ha pianto e chi magari non vede l’ora di tornare a guardare la Serie A, noi non possiamo fare altro che attendere e nel frattempo salutiamo la stagione appena passata. Annata anomala, tra covid e mille competizioni da disputare, ma sicuramente questo maledetto campionato ci mancherà e non poco. Che dire, cara Serie A ti aspettiamo..ma tu torna, e fallo presto.

Vincenzo Natale

Rispondi